Neuralink sta costruendo un sistema Brain Computer Interface (BCI) completamente integrato. A volte vedrai questo chiamato interfaccia computer cervello (BCI). In entrambi i casi, i BMI sono tecnologie che consentono a un computer o altro dispositivo digitale di comunicare direttamente con il cervello. Ad esempio, attraverso la lettura delle informazioni dal cervello, una persona con una paralisi può controllare il mouse o la tastiera di un computer. Oppure, le informazioni possono essere riscritte nel cervello, ad esempio per ripristinare il senso del tatto. Il nostro obiettivo è costruire un sistema con almeno due ordini di grandezza in più di canali di comunicazione (elettrodi) rispetto agli attuali dispositivi clinicamente approvati. Questo sistema deve essere sicuro, deve avere una comunicazione completamente wireless attraverso la pelle e deve essere pronto per le persone da portare a casa e utilizzare da sole. Il nostro dispositivo, chiamato Link.

L’obiettivo iniziale della tecnologia sarà aiutare le persone con paralisi a ritrovare l’indipendenza attraverso il controllo di computer e dispositivi mobili. I nostri dispositivi sono progettati per offrire alle persone la possibilità di comunicare più facilmente tramite sintesi vocale o testuale, per seguire la propria curiosità sul web o per esprimere la propria creatività attraverso la fotografia, l’arte o le app di scrittura.

ELETTRODI

Al fine di ottimizzare la compatibilità dei nostri fili con il tessuto circostante, dovrebbero essere della stessa scala di dimensioni dei neuroni vicini e il più flessibili possibile. Pertanto, microfabbricano i fili con metalli e polimeri a film sottile. Ma i fili devono anche resistere alla corrosione del fluido nel tessuto e gli elettrodi devono avere una superficie sufficiente per consentire la stimolazione. Per soddisfare questi criteri, hanno sviluppato nuovi processi di microfabbricazione e fatto progressi nella scienza dei materiali. Questi includono l’integrazione di strati di adesione resistenti alla corrosione alle filettature e materiali per elettrodi grezzi che aumentano la loro superficie effettiva senza aumentarne le dimensioni.

Il collegamento deve convertire i piccoli segnali elettrici registrati da ciascun elettrodo in informazioni neurali in tempo reale. Poiché i segnali neurali nel cervello sono piccoli (microvolt), Link deve disporre di amplificatori di segnale e digitalizzatori ad alte prestazioni. Inoltre, con l’aumento del numero di elettrodi, questi segnali digitali grezzi diventano troppe informazioni da caricare con dispositivi a bassa potenza. Quindi il ridimensionamento dei dispositivi richiede l’identificazione su chip e in tempo reale e la caratterizzazione dei picchi neurali. I chip personalizzati sul Link soddisfano questi obiettivi, riducendo radicalmente le dimensioni del chip per canale e il consumo energetico rispetto alla tecnologia attuale.

Il collegamento deve essere protetto dal fluido e dai sali che bagnano i tessuti circostanti. Realizzare una struttura impermeabile può essere difficile, ma è molto difficile quando perche’ deve essere costruito con materiali biocompatibili, sostituire strutturalmente il cranio e consentire il passaggio di oltre 1.000 canali elettrici. Per affrontare questa sfida, ststanno sviluppando tecniche innovative per costruire e sigillare ogni componente principale del pacchetto. Ad esempio, sostituendo la connessione di più componenti con un processo che li costruisce come un unico componente, possiamo ridurre le dimensioni del dispositivo ed eliminare un potenziale punto di guasto.

I fili sul Link sono così sottili e flessibili che non possono essere inseriti dalla mano umana. Invece, stiamo costruendo un sistema robotico che il neurochirurgo può utilizzare per inserire in modo affidabile ed efficiente questi fili esattamente dove devono essere.

I picchi neurali contengono molte informazioni, ma tali informazioni devono essere decodificate per poterle utilizzare per controllare un computer. I laboratori accademici hanno progettato algoritmi informatici che controllano il mouse di un computer virtuale dall’attività di centinaia di neuroni. I dispositivi saranno in grado di connettersi a più neuroni di oltre un ordine di grandezza. Vogliono utilizzare le informazioni aggiuntive per un controllo più preciso e naturalistico e per includere dispositivi virtuali aggiuntivi come una tastiera e un controller di gioco. Per raggiungere questo obiettivo, si basano sui recenti progressi nella progettazione di statistiche e algoritmi. Una sfida è progettare algoritmi adattivi che mantengano prestazioni affidabili e robuste pur continuando a migliorare nel tempo, inclusa l’aggiunta di nuove funzionalità. In definitiva, vogliamo che questi algoritmi vengano eseguiti in tempo reale sui nostri dispositivi a bassa potenza.

Stanno progettando il primo impianto neurale che ti consentirà di controllare un computer o un dispositivo mobile ovunque tu vada.

I fili su scala micron vengono inseriti nelle aree del cervello che controllano il movimento. Ogni filo contiene molti elettrodi e li collega a un impianto, il Link.

Stanno progettando il primo impianto neurale che ti consentirà di controllare un computer o un dispositivo mobile ovunque tu vada.

I fili su scala micron vengono inseriti nelle aree del cervello che controllano il movimento. Ogni filo contiene molti elettrodi e li collega a un impianto, il Link.

Ogni filo piccolo e flessibile contiene molti elettrodi per rilevare i segnali neurali.

L’app Neuralink

L’app Neuralink ti permetterebbe di controllare il tuo dispositivo iOS, tastiera e mouse direttamente con l’attività del tuo cervello, solo pensandoci.

Di Remo12

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
LinkedIn
LinkedIn
Share