New features further strengthen Priority Medicines scheme (PRIME)New features further strengthen Priority Medicines scheme (PRIME)

La manifestazione in difesa della salute pubblica, che domenica ha radunato 200mila persone per le strade della capitale spagnola , è una questione apparentemente secondaria per la presidente della Comunità di Madrid, Isabel Díaz Ayuso. ETA, la caduta del muro di Berlino o le sue accuse contro il presidente del governo, Pedro Sánchez “che “cerca di smembrare la Spagna come nazione [e] stabilire una Repubblica federale secolare de facto in Spagna “, dice― compaiono prima di ciò mobilitazione cittadina nel discorso pronunciato lunedì dal leader conservatore del Club del XXI secolo. Ma le oltre 100 persone riunite per ascoltarla si aspettavano quel riferimento. E quando arriva il momento, Ayuso mantiene la sua tattica di sottrarsi a ogni responsabilitàin una crisi che ha provocato due scioperi a tempo indeterminato dei medici: accusare la sinistra di “aver bruciato” la capitale per salire al potere “attraverso confusione, agitazione e sporchi trucchi”; e cercando di affrontare Mónica García (Más Madrid) e Juan Lobato (PSOE) riducendo al minimo la mobilitazione di domenica per decidere “una nuova leadership di estrema sinistra nella Comunità”.

All’inizio di questo lunedì, con il Madrid intasato dallo sciopero dei teletrasmettitori e dalla pioggia, Ayuso si fa strada tra un torrente di estimatori e telecamere. Si tratta di una chiamata di successo, poiché un’enorme sala riunioni dell’hotel NH Eurobuilding è piena fino a traboccare. E il presidente regionale non delude i suoi seguaci. “Ritengo che Sánchez e i suoi partner, oltre a rimanere al potere a tutti i costi, seguano una strategia che cerca di smembrare la Spagna come nazione [e] stabilire in Spagna, al di fuori dei meccanismi costituzionali, una Repubblica Federale Secolare de facto “, afferma . E accusa: “Madrid è un pezzo fondamentale da battere, una volta che sanno che non possono vincerlo alle urne. Per questo è perseguitato come capitale, denigrato e bruciato a tutti i costi.

Quell’accusa dal peso di una bomba nucleare non genera il minimo mormorio tra gli spettatori, forse abituati alle iperboli del presidente regionale, che è arrivato a questo punto lasciando aspre critiche nei confronti dell’ex presidente José Luis Rodríguez Zapatero ―”è difficile esagerare il danno che quest’uomo ha fatto alla Spagna, all’America Latina e allo Stato di diritto”, dice― o agli indipendentisti “sono uniti dal desiderio di distruggere la nazione spagnola”, accusa―. E poi sì, è giunto il momento per Ayuso di fare riferimento a una questione di sua competenza, l’emergenza sanitaria di Madrid. E ancora, come nei giorni scorsi, il leader conservatore evita il problema del lavoro che ha portato i medici a scioperare per trasformare la questione in un conflitto politico.

“Quando gli attivisti di sinistra cercano di confondere l’opinione pubblica dicendo che un centro sanitario aperto 24 ore su 24 dovrebbe funzionare come un piccolo ospedale; oppure quando spaventano dicendo che la videoconferenza sostituisce un medico al Pronto Soccorso, fanno slogan falsi”, difende il presidente della Comunità di Madrid. “La sinistra, invece di cercare soluzioni attraverso accordi e negoziazioni, invece di chiedere un patto nazionale per risolvere la mancanza di medici che affligge tutta la Spagna, che è il vero problema, il vero problema, ha scelto di politicizzare le difficoltà”. dice.

“Questa è la strategia destabilizzante di una sinistra irresponsabile che cerca disperatamente di aggrapparsi al potere o di arrivarci, come nel caso di Madrid, attraverso confusione, agitazione e gioco sporco”, aggiunge. E conclude: “Madrid è un pezzo fondamentale da battere, una volta che sanno che non possono vincerlo alle urne”.

Traduzione Articolo EL PAIS

Di Remo12

Lascia un commento

Follow by Email
LinkedIn
LinkedIn
Share