Accertamento della terza rata del PNNR.

Allarme effetti avversi prodotti dai vaccini anti-covid a mRNA: gli sos, a livello internazionale, si moltiplicano, ma i grandi (sic) media li ignorano totalmente, soprattutto a casa nostra.

Ecco l’esempio di due cardiologi, visto che i danni collaterali si manifestano soprattutto a carico del sistema cardiocircolatorio, con miocarditi, pericarditi, tromboni, ictus e infarti in forte aumento, da quando sono iniziate le campagne vaccinali, e con una dose di richiamo pronta per essere iniettata.

Sentiamo, allora, cosa afferma Giuseppe Barbaro, direttore del servizio di cardiologia ed ecocardiografia al Policlinico Umberto I di Roma.

Giuseppe Barbaro

E’ essenziale la selezione dei pazienti da sottoporre a vaccinazione, specialmente per quelli di età inferiore ai 40 anni. Soprattutto da quando vi è stato un incremento dell’incidenza delle mio-pericarditi di due o tre volte rispetto ai due anni precedenti. Il fenomeno è associato al proporzionale incremento dei malori improvvisi”.

Barbaro da tempo sostiene la scarsa sicurezza dei vaccini a mRNA, per i danni che può produrre, appunto, al cuore (ma non solo, visto che sono in sensibile aumento, per fare solo un altro esempio, le patologie tumorali).

ATTENZIONE ARTICOLO PUBBLICATO PER DARE VOCE ALLA DEMOCRAZIA MA SEPPURE ALCUNE EVIDENZE ESISTONO , ATTUALMENTE NON CI SONO ANCORA CERTEZZE.

Se vuoi continuare a leggere articolo vai su : Link

Di Remo12

Lascia un commento

Follow by Email
LinkedIn
LinkedIn
Share